Mozia: una città isola nel cuore del Mediterraneo

La città di Mozia ( Mothia o Motya nell’antichità) è stata tra le prime e più importanti colonie fenice di Sicilia, insieme a Palermo e Solunto. Qualcuno dice che la descrizione della città giunse all’orecchio del filosofo Platone mentre soggiornava a Siracusa, e da qui nacque la sua descrizione della mitica città di Atlandide. Scopriamo questa città-isola e come visitarla.

La storia e luoghi archeologici di Mozia

Il nome antico in fenicio era Mtw, Mtw o Hmtw; il nome riportato in greco, Motye, Μοτύη, da cui il nome Mothia.

 L’isola di San Pantaleo, su cui sorge Mozia, è in una posizione privilegiata: protetta dal mare, ma vicina alla terra, si trova sulla rotta commerciale punica che connette l’Africa alla spagna. Ciò le ha concesso prosperità e ricchezza, per via dei commerci che poteva intraprendere con queste regioni,  con gli abitanti indigeni siciliani e con le altre importanti colonie dell’isola che nascevano proprio in quell’epoca.

Mozia è al centro dell’arcipelago dello Stagnone, e in passato collegata alla terra ferma per mezzo di una strada in ciottoli oggi sommersa, ma che fuoriesce in periodo di bassa marea

L’area archeologica

Dell’antico tessuto architettonico urbano restano diverse tracce, che sono state per la prima volta studiate e anche riscoperte dal Whitaker a cavallo tra ‘800 e ‘900. Tra questi ricordiamo il tofet (luogo dei sacrifici agli dei) il kothon (porto/lago sacro), l’antico abitato, le strade, le mura della città, le antiche porte, l’antica strada che collegava con la terra ferma. Il museo archeologico raccoglie i preziosi reperti rinvenuti dal ‘900 a oggi.


Come raggiungere Mozia – orari di apertura

Mozia si raggiunge in battello che parte dall’imbarcadero  “salina Anfersi”

L’area archeologica è sempre aperta e l’ingresso è libero, mentre il Museo Whitaker prevede l’acquisto di un biglietto. Ecco gli orari:

dal 1 novembre al 31 marzo: tutti i giorni: 9-15;
dal primo aprile al 31 ottobre tutti i giorni 9.30-13.30 e 14.30–18.30

Lascia un commento